Archivi del mese: gennaio 2008

I nomadi, foggiani di adozione

Nelle prime tre settimane del nuovo anno sono già tre i rom nati negli ospedali di Foggia mentre 170 sono i bambini partoriti nel 2006 rispetto ai 46 nel 1998. Questo incremento é dovuto alla maggiore presenza della popolazione rom a Foggia e in provincia.
‘Questo dato indica che ormai vivono come foggiani, si sentono italiani a tutti gli effetti’, commenta Habib Sghaier, presidente dell’Acsi (associazione comunità straniere in Italia), infatti molti di loro non tornano da anni nei loro Paesi di origine e molti minori nati qui a Foggia non conoscono la terra dei loro genitori. Ad esempio, per quanto riguarda i rom macedoni, nascono piú bambini in Italia (circa 292) che in Macedonia (circa 256). Continua a leggere

Annunci

1 Commento

Archiviato in Notizie e segnalazioni

Papusza

Bronislawa Wajs, detta Papusza (Bambola), è tra i massimi rappresentanti della letteratura romanò. Nacque nel 1910 in Polonia in una famiglia appartenente a una kumpania, un gruppo di famiglie nomadi. Riuscì ad imparare a leggere e a scrivere frequentando furtivamente la scuola nei villaggi prossimi al luogo in cui la sua kumpania si accampava. A quindici anni sposò DionizyWajs, un vecchio suonatore d’arpa. Cominciò a scrivere e cantare ballate, che a volte intitolava semplicemente “Canzoni uscite dalla testa di Papusza”: ballate che parlavano della vita sua e del suo popolo, della povertà, della libertà, dell’amore. Nel ‘49 il poeta polacco JerzyFicowski l’ascoltò e ne comprese il talento. Trascrisse le sue cose e le pubblicò sulla rivista Problemy. Fu l’inizio della sua notorietà, ma anche delle incomprensioni presso la gente del suo popolo. Ficowski era un sostenitore della politica di sedentarizzazione forzata dei Rom, e pensò bene di utilizzare Papusza ed i suoi versi come materiale propagandistico. Papusza protestò, ma non ottenne nulla. Disperata, distrusse le poesie che aveva trascritto. Ciò non le evitò la condanna da parte del Baro Shero, la più grande autorità degli zingari polacchi. Venne dichiarata impura ed espulsa dal gruppo. Passò gli ultimi anni in un doloroso isolamento. Morì nel 1987.
Lacrime di sangue. Ciò che abbiamo subito dai soldati tedeschi a Volyn nel ‘43 e nel ‘44 è la sua poesia più famosa. Racconta dei mesi difficili durante i quali gli zingari si nascosero nei boschi per sfuggire alla persecuzione dei soldati nazisti. Come tutte le poesie di Papusza, ha un carattere autobiografico.
La poesia è tradotta da me e da Maria Ludovica De Dominicis da una traduzione inglese. Le notizie biografiche sono riprese dal volume Enterrez moi debout. L’ odyssée des Tziganes di Isabel Fonseca (Albin Michel, Paris 2003, pp. 10-23). Continua a leggere

17 commenti

Archiviato in Letteratura

Foggia, zingari e disabili: ‘Un silenzio da rompere’

‘Rompere il silenzio per ricordare lo sterminio di più di 500.000 zingari,80.000, oltre 70.000 disabili fisici e mentali e di 80.000 omosessuali’. Se ne discuterà in un convegno, organizzato da ‘Opera Nomadi’, il prossimo primo febbraio a Palazzo Dogana di Foggia, che vedrà la presenza tra gli altri del prefetto di Foggia, S. Calvosa, del governatore della Regione Puglia, Nicki Vendola, del presidente della Provincia di Foggia, C. Stallone, e del sindaco di Foggia, O. Ciliberti. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Notizie e segnalazioni