Le origini mitiche dei Rom

Tutti i popoli hanno storie sulle origini del mondo e dell’umanità; origini che, il più delle volte, corrispondono con l’origine del popolo stesso, creato da Dio e investito di qualche missione presso gli altri popoli. Anche i Rom hanno le loro. Si tratta di storie che spesso rappresentano la modifica di storie e miti dei popoli con cui sono entrati in contatto, che i Rom hanno curvato e adattato alla propria condizione storica ed esistenziale. Da esse traspare il disagio di un popolo vittima di una persecuzione secolare, che tende ad attribuirsi una colpa metafisica o storica per spiegare a sé stesso questo accanimento. Una di queste storie, ad esempio, racconta che i Rom in origine erano uccelli. Un giorno trovarono un campo pieno di cibo. Mangiarono quel giorno, ed il giorno seguente, e quello dopo ancora, finché non furono più in grado di riprendere il volo. Giunse l’inverno, le ali si seccarono e diventarono ali: e gli uccelli diventarono uomini. Uomini Rom.
Secondo un mito dei Kalderasha, i Rom furono creati insieme dal Puro Del (Dio) e dal Beng, una figura che solo approssimativamente si può accostare al Diavolo. Il Beng è avversario di Dio, ma anche – come dimostra appunto la creazione dei Rom – un suo collaboratore. Una intuizione (sia detto di sfuggita) che sfiora alcune ardite formulazioni di certe filosofie e teologie. Un giorno, dice il mito, il Beng si immerse nel fiume Rusalia. Ne emerse con del fango nelle mani, con il quale formò due statuette di Rom. Fu però Dio, il Puro Del, a dar loro la vita. Nacque così la prima coppia di Rom, Damo e Yehwah. Il seguito della storia è una interessantissima variazione del mito della Genesi. La donna si avvicina ad un albero di mele, il serpente Sap cerca di dissuaderla dal mangiare la mela, ma il Puro Del lo scaccia, e la donna mangia. Dopo aver mangiato, la donna prova desiderio sessuale. Il Puro Del invita l’uomo e la donna ad accoppiarsi e a soddisfare il proprio desiderio. Damo e Yehwah fanno l’amore una prima volta, ma Yehwah non è soddisfatta. Dio invita Damo a soddisfare la donna una seconda ed una terza volta. Ciò pare sufficiente al Puro Del, ma la donna continua a dire “ancora”. Allora Dio maledice la donna e la condanna ad essere sempre insoddisfatta e vittima del desiderio. Non per questo l’uomo e la donna primordiali vengono scacciati. Anzi, continuano e soddisfare il loro desiderio sessuale, e dai loro innumerevoli accoppiamenti nascono non solo il genere umano, ma anche le stelle – perché le stelle, dicono i Kalderasha, non solo che uomini che sono finiti in cielo. Si tratta, come di vede, di una variante del mito biblioco della caduta. Anche in questo caso, l’esistenza è il risultato di una colpa originaria. Ma la colpa non è nel sesso in sé, come lascia intendere il mito della Bibbia, bensì nel suo eccesso. La sessualità è invece esplicitamente approvata da Dio, che invita l’uomo ad accostarsi alla donna.
Un altro mito rom rappresenta una sintesi di diversi temi biblici – il diluvio universale e il miracolo dell’apertura delle acque del Mar Rosso – e cristiani (la ribellione e caduta di Satana). Secondo questo mito, in origine vi erano alcuni antenati, che vivevano con Sinpetri, che non era che Dio, il Puro Del. Uno di questi antenati, Pharavoro, si ribellò e cercò di sostituirsi a Sipetri, ignorando che Sinpetri era Dio stesso. Pharavoro attraversò con l’esercito dei sui seguaci un fiume le cui acque si erano miracolosamente aparte per opera di Sinpetri, ma ben presto le acque si richiusero, uccidendo Pharavoro con i suoi seguaci. Solo alcuni si salvarono. I Rom sono i loro discendenti, e come loro sono costretti a spostarsi di continuo ed a nascondersi.
Una terza interessante variante di una storia cristiana riguarda il coinvolgimento dei Rom nella passione di Cristo. Secondo un mito diffuso e che ebbe una certa importanza nella storia dei Rom, i chiodi con cui fu crocifisso Gesù furono forgiati dai Rom. I soldati romani, racconta il mito, furono incaricati di acquistare presso un fabbro i chiodi con i quali a sera sarebbe stato crocifisso Yeshua ben Miriam (Gesù figlio di Maria). I fabbri ebrei, una volta saputo a cosa sarebbero serviti quei chiodi, si rifiutarono, e pagarono con la vita il loro rifiuto. Un fabbro rom accettò. Aveva forgiato i primi tre chiodi, quando gli spiriti dei fabbri ebrai implorarono il fabbro rom di non fare i chiodi. I soldati romani scapparono spaventati, portandosi via i tre chiodi. Il fabbro continuò a lavorare al quarto chiodo, ma per quanto si desse da fare non riusciva a raffreddarlo. Il chiodo diventava sempre più incandescente e minaccioso. Il fabbro si diede alla fuga, ma inutilmente. Il chiodo compariva sempere, ovunque andasse. Ed ogni volta che compariva, il fabbro doveva riprendere il suo viaggio. Da allore i Rom sono sempre in viaggio. Ogni volta che ricompare il chiodo della passione, i Rom devono levare le tende e andare altrove. All’infinito.

Le storie sono riprese da Miti e leggende degli zingari, a cura di Erberto Petoia (Franco Muzzio editore, Roma 2004).

Annunci

3 commenti

Archiviato in Religione e miti

3 risposte a “Le origini mitiche dei Rom

  1. Prima di parlare dei Miti dei altri,bisogna sapere le proprie Miti.
    Sto rispondendo al ,(Franco Muzzio editore).
    Erberto Petoia,come prima cosa ,lui solo a sentitto ,o creatto l’imaginazione della proveninza dei Rom. Mi dispiacce tanto,per lui,perche lui non sa quasi niente dei Miti e leggende dei Rom.
    Per primo:la provenienza dei Rom e comme dei tutti i popoli sulla terra e:dai tre fratelli,i figli di Noe,e si chiamano Sem,Ham e Jafet.
    Dopo il grande diluvio ,che e statto fato da Dio,solamente Noe ,sua moglie ,i tre loro figli con le loro mogli,eranno rimasti sulla terra.
    La arca che era construita da Noe e la sua famiglia,naturalmente con aiuto di Dio,che e statta definita,si era fermata sulla montagnia di Ararat che si trova in Armenia di oggi. E di la che tutti noi siammo,avette capitto.
    Quando loro sono divenutti molti, e restavanno sul un posto,Erode era un Re di loro divenutto,e voleva creare un pallazo cosi grande ,che voleva far abbitare tutta la popollazione dentro quell pallazzo.
    Dio al inizio aveva creatto l’uomo,per abbitare su tutta la terra,e no sul un posto solo.
    Visto cosi , che Erode Re , voleva laschare tutta l’umanita sul un posto solo,Dio a miscolatto le loro lingue,cosi che ,loro eranno costretti di dividersi entro loro,e ci sono divisi con grupi.
    Tutti coloro che ci sonno capiti entro loro,si sono uniti ,e partiti,nei direzioni diversi.
    E cosi , oggi sono i popoli di lingue diverse.
    Poi i Miti,nesuno non losa la veritta.
    E facile creare una storia , e scrivere libri a vendere,e confondere il sistema universale , metere l’odio contro le popolazzioni.
    Franco Muzzio adetto che : i Rom hanno creatto i chiodi per crocificare Gesu,anche questto e una grande buggia.
    Chi commandava quanto e statto ucciso Gesu figlio di Dio?
    Sono statti i Italiani.Ponzie Pilato a dato l’ordine per meterlo sul pallo,e non sulla crocce,comme voi ditte.
    In quella epocca non existeva cristianismmo.
    Cristianismmo e diventatto nei anni 1330 e 1340.
    E Gesu e statto ucciso dai militari Italiani 2006 anni fa,preccisamente,09.04.0003,della nostra era.
    E statto traditto propio nella note di pasqua,da suo dischepollo Juda Iscariotta.
    E con tutto questo non hanno che a fare i Rom.
    Io vi dico : prima che voi ditte ,o fatte ,o scrivette,penzate ai vostri pecatti,che commetete tutti i momenti,e giorni.
    Fatte al vostro prossimo,comme vorreste a voi essere fatto.
    Non vedette di nafiare il giardinno dei altri,vedette ,che il vostro si sta seccando.

  2. Mirco

    Salve,
    mi chiamo Mirco e sono ROM.
    Ho letto il vostro meraviglioso articolo che ho apprezzato davvero tanto.
    Ci sono tanti falsi miti che circondano i ROM e le loro origini,il più delle volte si associa l’etnia ROM all’india,ma in realtà,so per certo che non ha nulla a che fare.
    I miei genitori conoscono delle storie che rispecchiano pienamente il vecchio testamento della bibbia,a loro volta le hanno apprese dai loro genitori,ovvero,i miei nonni e coì via.Tutto questo è affascinante dal momento che si tratta di narrazioni che non sono scritte da nessuna parte,ma vengono tramandate oralmente e so che nesuno ha potuto attingere dalla bibbia perchè erano pochi coloro che sapevano leggere e scrivere per cui non potevano avere accesso a dette informazioni.
    La storia dei chiodi di Gesù l’ho sentita da mio padre quando la raccontava ad una giornalista del posto e poi l’ho approfondita e umilmente posso presumere che sia vera.Senza dilungarmi troppo,voglio solo dire che sono contento per il vostro modo di descrivere i ROM.
    Rimango a vostra disposizione.
    Mirco.

  3. Greetings! I know this is kinda off topic but I was wondering which blog platform are you using for this site?
    I’m getting tired of WordPress because I’ve had
    issues with hackers and I’m looking at options for another platform. I would be fantastic if you could point me in the direction of a good platform.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...